Mandragola

Ti cucini una busta di spinaci surgelati e finisci in ospedale con le allucinazioni. Metti sulla tavola del Taleggio e quasi lo vedi camminare spinto da un esercito di batterio Listeria. Sperando che il tutto si risolva sempre con qualche visione e senso di confusione o una gastroenterite che mi releghi due giorni sul water, non è possibile che prima di mettersi a tavola si debba prendere la corona del rosario. Se ci aggiungiamo pure le uova al fipronil e chissà quali altre diavolerie mettiamo in bocca, confortati da una tranquillizzante ignoranza, dobbiamo congratularci col nostro organismo che malgrado le sollecitazioni fa fronte a queste invisibili e micidiali insidie. E’ probabile che nel lungo periodo questo lento e continuo avvelenamento ci presenti il conto, da un aumento delle allergie alla comparsa di intolleranze varie, ai disturbi di difficile collocazione e inquadramento a malattie decisamente più gravi come le patologie degenerative del sistema nervoso centrale o a forme tumorali. Chi può escluderlo? Di una sostanza estranea all’organismo posso conoscere le reazioni chimiche immediate e le conseguenze a breve. Posso anche disporre di antidoti. Ma quell’interferenza chimica nel lungo periodo che danni può avere innescato? Tornando alla mandragola (o mandragora) gli effetti indotti dalla pianta sono conosciuti dall’antichità, tanto che, date le peculiarità d’azione sul sistema nervoso, se ne faceva un uso ad indirizzo terapeutico o di difesa in caso di guerra, inquinando materie destinate al nemico per intossicarlo. Oggi i popoli sono intontiti in altro modo però un’aggiunta di tossicità dall’interno può essere una strada percorsa dai poteri forti per raggiungere i loro obiettivi. Certo a noi, che siamo in balia del … sistema, se con 1€ ci facciamo un’insalata e un allucinogeno, tutto sommato da un punto di vista economico ci conviene. Dal punto di vista salute è un altro discorso. Come possiamo proteggerci? Intanto possiamo chiedere a Babbo Natale che ci regali uno spettrometro di massa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *